La “nostra” Samantha ha raggiunto l’Iss (e le “virgolette” sono d’obbligo)

Samantha Cristoforetti

Domenica 23 novembre, alle 22.01, migliaia di appassionati erano incollati alla televisione o allo schermo del computer per seguire il lancio in orbita di Samantha Cristoforetti, la prima astronauta italiana e europea a raggiungere la Stazione spaziale internazionale (Iss). Accatagliato è un’associazione attenta alla presenza femminile nel mondo della scienza (come dimostrato dalla mostra La Science en Rose, inaugurata a maggio 2014 e che continua ad essere riproposta nelle varie occasioni che vedono Accatagliato protagonista). Per questo non possiamo che essere contenti ed emozionati di fronte  questo traguardo storico raggiunto dalla “nostra” Samantha: le virgolette sono d’obbligo, perchè lassù, a 400 chilometri da terra (questa la distanza tra la terra e l’Iss) i confini non esistono e le nazionalità diventano poco più di una bandiera cucita sulla maglietta o la tuta spaziale. La scienza non ha confini e non deve averne: l’unico confine è rappresentato dalla linea che separa ciò che si conosce e ciò che è ancora da scoprire. E persone come Samantha e i suoi colleghi astronauti Terry Virts e Anton Shkaplerov, o i tanti scienziati che ogni giorno lavorano sul nostro pianeta, cercano di spostare quel confine sempre più in là. È questa la nuova frontiera dell’umanità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...